Estate in quota

La stagione in montagna è ripresa

Sembra solo ieri che finalmente la neve incominciava ad abbandonare i pendii, e i ruscelli montani riprendevano la loro vita dopo un lungo periodo di riposo.

Per noi è stato un piacere lasciare le assolate pianure, e godere della frizzante aria che ci accompagna lungo le faticose salite per raggiungere le nostre mete.

Spesso la situazione meteorologica non ci aiuta, ed è facile che sul più bello si debba abbandonare in fretta e furia la zona di pesca: con fulmini e saette é meglio non scherzare.

Il fascino di questi piccoli torrenti dimenticati (per fortuna, dico io) è quello di misurarsi con pesci selvatici o almeno rinselvatichiti. Certo non ci si deve aspettare il capo trofeo, ma qualche bella sorpresa fortunatamente si può avere.

Ultimamente preferisco affrontarli in compagnia, la prudenza non è mai troppa e considerato che può bastare una piccola caduta per compromettere il ritorno, è meglio un pesce in meno ed un amico in più.

In realtà non è proprio così (mi riferisco al pesce in meno), pescando a turno, tutti i lanci e le catture sono vissute come proprie, e quindi la soddifazione è doppia.

L'attrezzatura dovrebbe essere minima, ma molto spesso si finisce sempre col portarsi dietro qualcosa di troppo che alla fine risulta essere un peso inutile, tra gli oggetti che però non vanno mai dimenticati, c'è la torcia; siamo insaziabili, ancora un lancio, ancora un altro, e in men che non si dica il buio ci sorprende. E credetemi non è bello.

Tornando alla pesca , le maggiori difficoltà stanno nell'avvicinamento, e nello spesso limitato campo di manovra.

Non possiamo avvicinarci troppo, e al tempo stesso, arbusti, rovi, massi e quant'altro ci obbligano a lanci difficoltosi. La difficoltà nell'approccio è spesso compensata dalla franchezza con cui i pesci aggrediscono le mosche, solitamente non vanno molto per il sottile e qualsiasi mosca, se ben presentata , è solitamente gradita.

Un discorso a parte sono i laghi.

La maggior parte si trova a quote superiori ai 2000 metri, oltre a prevedere un maggior tempo di avvicinamento , frequentemente sono battuti da forti raffiche di vento, e i momenti in cui il pesce è in attività è esiguo.

Qui la scelta della mosca diventa importante. Si può passare dall'utilizzo di grossi terrestrial , a piccolissimi moscerini. I primi graditi in particolar modo a salmerini e fario, i secondi alle iridee che in fatto di selettività sono maestre

Credo che meglio delle parole per far comprendere la nostra passione, ci siano le immagini.

 

 

Si studia il percorso

 

 

Salendo si incontrano affascinanti laterali, prima o poi bisognerà provarli.

Quasi alla meta

 

un_valido_motivo_per_una_sosta

Una valida scusa per riprendere il fiato

 

La strada è ancora lunga

 

La valle si apre e si comincia a pescare

ultime 194

A seconda delle quote e del periodo, l'ambiente ci regala differenti fioriture.

chiussuma2011 75


chiussuma2011 39

uno sguardo a monte

chiussuma2011 10

....e uno sguardo a valle.

 

A volte "non solo pesca"

immagine 023

 

Ed ora un po' di ambienti tipici

chalamy 2010 020

chalamy 2010 041

chalamy 2010 057

chalamy 2010 077

chiussuma2011 89

estate 2010 164

a volte non è necessario nemmeno fare strade difficili

estate 2010 173

estate 2010 192

 

A volte però i posti più nascosti...

 

estate 2010 225

regalano i pesci migliori.

estate 2010 219

spesso non sono di taglia grossa, ma molto belle.

piccole_ma_cresceranno

 

dolca 005

ingannato_dalla_guido_fly

in_branco

la_taglia_aumenta

ecco la loro casa...

limpida_e_trasparente_come_un_cristallo

in_mezzo_al_prato

riprende_a_correre

piccolo  bello

roesaz2011 025

roesaz 2011

A volte lo spazio attorno al torrente è veramente ridotto, bisogna risalirlo standoci dentro e sperando che non sia già passato qualcuno, altrimenti il cappotto è assicurato.

san grato 2010 019

san grato 2010 042

san grato 2010 062

La ricompensa della fatica

san grato 2010 054

immagine 028

 

Ogni tanto qualche segno della presenza umana ci fa ben sperare in un agevole sentiero per il ritorno.

san grato 2010 072

roesaz2011 041

E quindi la via del ritorno, spesso al buio e con qualche incontro inaspettato.

chalamy 2010 089

chalamy 2010 085

 

 

StampaEmail