Opinioni

Alcune considerazioni sulla costruzione delle mosche secche  di Pierangelo Grillo

 

Moltissime volte specialmente nel periodo invernale, quando oramai la nostra canna è appesa, come si suol dire"al chiodo", inevitabilmente  nel club che frequento i discorsi si spostano sulla costruzione degli artificiali.

Da qui inizia la solita divisione che assilla i vari costruttori nella realizzazione delle mosche:questa volta non parlo della continua separazione tra la pesca a " secca" e la pesca a" ninfa" ma il fatto di costruire le nostre mosche in modo impressionistico o realistico.

Costruisco mosche da parecchio tempo come vado a pesca da una vita  ma mi sono accorto  che  molti  colleghi  non hanno le idee chiare sull’argomento!!!

Sappiamo tutti che vi è una bella differenza nell’ affrontare con la mosca secca un torrente piuttosto che un fiume di fondovalle; gli artificiali che andremo a impiegare in questi due biotopi avranno caratteristiche differenti anche a parità di insetto imitato.

E’ noto alla maggioranza dei pescatori a mosca che le situazioni ambientali sono diverse nei due luoghi.

Se insidiamo delle trote è chiaro a tutti che pescando in un torrente dovremo utilizzare artificiali un po’ più “vestiti” dato che le varie correnti si impossesseranno della nostra mosca facendola affondare.

Certo è ,che le trote che vivono in questi ambienti se vogliono cibarsi degli insetti che vengono trasportati dalla corrente, hanno pochissimo tempo per afferrarli e quindi saranno particolarmente veloci nella loro cattura.

Il torrente a mio parere è il luogo dove le varie situazioni e difficoltà di pesca si concentrano in brevissimi spazi, e dove chiaramente occorre adattarsi alle diverse circostanze.

Un giro di corrente deve essere affrontato in maniera diversa che una buca sia come tipo di lancio sia come mosche impiegate.

La taglia, il colore, la quantità di hackle sono tutti componenti che la nostra mosca dovrà avere nell’affrontare le varie condizioni.

Le mosche impressionistiche in torrente saranno costruite  privilegiando l’uso di materiali altamente idrorepellenti che possano garantire il massimo galleggiamento,inoltre dovranno avere una ottima visibilità dato che non dovremo mai perdere il contatto visivo con l’artificiale.

Discorso assai diverso è affrontare il fiume:occorre precisare che in questi ambienti, i contesti su cui andremo a lanciare e a posare le nostre mosche sono completamente stravolti ovvero le correnti non saranno tumultuose  ma data la minor pendenza, assai più moderate e a volte abbastanza costanti.

Qui l’abilità di effettuare lanci particolari conta in modo relativo, dato che generalmente in fiume , cercando le bollate, basterà mettere la nostra imitazione sulla linea di bollata del pesce, appoggiando la mosca a circa un metro a monte(escluso ovviamente il tipo di pesca in" caccia" che ha molte analogie con la situazione "torrentizia").

Occorrerà avere in questi momenti mosche imitative con poche hackle, siluette e colori quasi identici all’insetto reale( come la similitudine allo stadio di sviluppo dell’insetto stesso)in quanto, avendo  le prede   molto più tempo per analizzare la nostra imitazione ,potranno decidere  se  apprezzarla, oppure  “rifiutarla” con maggiore facilità per loro.


Come  detto in precedenza amo costruire e dedico molto tempo libero alla mia passionei a volte creando imitazioni molto realistiche ,comunque sapendo bene che trote, temoli, cavedani,ecc.  non sanno contare i cerci delle  effimere!!!


Per esperienza posso dire che occorre costruire le mosche in base alla nostra azione di pesca e soprattutto cercare di sviluppare la costruzione di una mosca a seconda di dove dovrà essere utilizzata.

Personalmente credo che un buon flytyer debba costruire gli artificiali sapendo" grosso modo" dove dovranno essere usati (parlo di situazioni ,non di luoghi) ecco perchè la stessa costruzione di un tipo di mosca deve essere variato in più modelli intendo,  taglia, siluette, hackle.


Nelle foto che seguono ho cercato di evidenziare queste variazioni, magari esasperando un po’ la costruzione ma il tutto è per ricordarvi che difficilmente riusciamo a pescare con la stessa mosca affrontando diverse situazioni ambientali.


Per fortuna la mosca perfetta non è ancora stata costruita.

 

 

Plecottero in natura

 

 

 

Imitazione di Baetis Rhodani Imago

 

 

 

 

 Imitazione diEphemera Danica Subimago

 

 

Imitazione di Ecdyonurus venosus Imago

 

 

 

  Imitazione Rhyacophila

 

 

 

Imitazione di Ninfa di Plecottero

 

 

 

Imitazione impressionistica di Perlodes Microcephala

 

 

 

Imitazione impressionistica di Rhyacophila

 

 

Imitazione impressionistica di Rhyacophila

 

 

Imitazione impressionistica di Ecdyonurus venosus

 

 

 

Ambiente fondo valle

 

 

 

Ambiente torrentizio montano.

Stampa Email