Effimere - Spent

Spent


a cura di Pierangelo Grillo


L’ordine degli ephefemerotteri è costituito da insetti che presentano caratteristiche inconfondibili, le ali vengono portate erette al di sopra del corpo. Hanno inoltre due o tre code (cerci) assai lunghe, generalmente una volta e mezza la lunghezza del corpo.

Si tratta di insetti che hanno una dimensione alquanto variabile, dai 22/25mm delle effimere daniche (mosca di maggio) e vulgata ai 2/5mm delle caenis, le più piccole.

I colori del corpo sono estremamente variabili, dal giallo paglierino alle varie tonalità di grigi, al color rossiccio degli ecdyonurus venosus.

Generalmente sono insetti presenti per buona parte dell’anno, con alcune specie che schiudono anche nei mesi freddi (Beatis Rhodani) per avere poi le massime schiuse nel periodo tardo primaverile e estivo.

Il loro ciclo vitale si sviluppa per gran parte allo stadio di ninfa che può variare da sei mesi a due anni cambiando l’esoscheletro quando l’insetto diventa più grande.

Una volta raggiunta la maturità, le ninfe generalmente producono al loro interno delle piccolissime bolle d’aria che le fanno salire verso la superficie. Appena al di sotto della pellicola superficiale avviene la mutazione in insetto alato: in subimago che i pescatori a mosca chiamano “dun” e successivamente compiendo un’altra muta in imago “spinner”, che prenderà il volo.

Generalmente, l’accoppiamento avviene in volo e a secondo la specie, appena effettuata la trasformazione in insetto adulto o qualche giorno dopo. Mentre i maschi subito dopo andranno a morire, le femmine depositeranno le uova appena fecondate in acqua.

Gli spinner saranno preda di pesci e uccelli, e i tantissimi che riusciranno a depositare le uova cadranno morti sull’acqua, “spent”.

L’artificiale che vi propongo imita appunto questo stadio delle effimere,quando cioè i pesci ci cibano senza alcun sforzo di insetti che hanno terminato il loro ciclo vitale.

La mosca che ho costruito è una baetide da usarsi principalmente a inizio e fine stagione.

Amo: 18/14 gambo medio lungo

Code : due o tre fibre di alce

Corpo: quil di pavone spellato

Sacca alare: quil tacchino nero

Ali: ciuffo di c.d.c. naturale

Torace: dubbing grigio medio


Costruzione:

Portarsi con il filo di montaggio in prossimità della curvatura dell’amo.




Fissare alcune fibre di alce lasciandole lunghe il doppio del corpo.

dscn4122

Fermare con il filo di montaggio una quil di pavone privata della peluria e avvolgerla intorno all’amo ( per irrobustire la mosca si può applicare una piccola quantità di colla cianoacrilica da spalmare sul gambo dell’amo)

dscn4124

Fermare la quill con alcuni giri di filo e fissare una quil di tacchino.

dscn4123

dscn4125

Strippare da una piuma di c.d.c. alcune barbule e fissarle sull’amo.

dscn4126

Applicare sul filo una piccolissima quantità di dubbing e avvolgerla sul gambo per formare il torace.

dscn4128

Dividere in due parti il ciuffo di c.d.c. e ribaltare la quil di tacchino chiudere con il filo di montaggio e fare la testina della mosca.

dscn4129

dscn4130

dscn4131

dscn4132

dscn4133

StampaEmail